Notizie

ADL non sorpreso, Gattuso l’ha presa male! Com’è stata la reazione degli azzurri al verdetto finale?

Non una bella giornata quella di ieri per Gattuso & Co che si sono visti infliggere una “condanna” che probabilmente è stata presa con troppa leggerezza e senza approfondire le relative prove. Il Giudice sportivo Gerardo Mastrandrea, tra l’altro già conosciuto molto bene da Aurelio De Laurentiis, ha decretato la vittoria dei bianconeri a tavolino per 3-0 e un punto di penalizzazione agli azzurri in relazione al big match domenicale Juventus-Napoli, fissato per domenica 4 ottobre all’Allianz Stadium, ma poi rinviato a causa delle riscontrate positività di Piotr Zielinski e Eljif Elmas.

Non è bastata dunque la “memoria difensiva” presentata dal Napoli ed in cui emergeva nettamente che la squadra aveva tutto pronto per volare a Torino: le comunicazioni dell’Asl, gli scambi con l’hotel scelto a Torino per il ritiro e la prenotazione dei tamponi per la domenica mattina. Niente di tutto questo ha evitato la dura sentenza di Mastrandrea.

Come hanno preso gli azzurri questa decisione? Sicuramente non nel migliore dei modi. Lo hanno appreso dalle loro abitazioni nel pieno rispetto del protocollo, ci informa l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport che scrive: “Da un punto di vista squisitamente sportivo c’è l’impotenza unita alla rabbia di un gruppo di giocatori che quel sabato era pronto a salire sul pullman che da Castel Volturno li avrebbe portati a Capodichino”.

Gennaro Gattuso forse è stato quello che l’ha presa più male di tutti. Da uomo di campo e grande e determinato allenatore quale è, non avrebbe mai perso occasione per presentarsi allo Juventus Stadium e affrontare i bianconeri. Gli azzurri erano arrivati ad un buon stato di forma, raccogliendo anche vittorie e risposte dunque positive dalle ultime sedute tecnico. Il tecnico calabrese era certo che se la sarebbe potuta giocare benissimo, nonostante gli infortuni e le assenze causa Covid.19.  Dopo la sentenza del Giudice, Ringhio ha raccomandato alla squadra di restare concentrata per la gara di campionato di sabato contro l’Atalanta.

Chi di certo non si è stupito più di tanto è stato Aurelio De Laurentiis. Il presidente azzurro aveva messo in conto la sconfitta al primo round, motivo per cui non c’è stata grande sorpresa. Ora il Napoli punterà dritto alla Corte d’Appello federale e nel caso di verdetto sfavorevole si passerà poi al collegio di garanzia del Coni.

 

 

Share:
Ludovica Carlucci