Europa League

Il Napoli cerca il riscatto in Europa, giovedì tante novità

Dopo la brutta battuta d’arresto in campionato contro la sorpresa Sassuolo, il Napoli di Gattuso si ritroverà giovedì di nuovo a giocare per l’Europa League contro il Rijeka, la squadra croata fino ad ora cenerentola del girone. Ma il tecnico dei Napoli ha imparato a proprie spese che non ci sono partite facili sulla carta e anche contro le squadre tecnicamente inferiori, il Napoli deve sempre dare il massimo per evitare preoccupanti scivoloni come è avvenuto domenica contro il Sassuolo e due settimane fa contro l’Az Alkmaar.

Gli azzurri si presenteranno in Croazia con la voglia di riscattare la brutta prestazione di domenica che ha fatto scivolare la squadra fuori dalla zona Champions, in attesa del ricorso presentato dal club per la gara contro la Juve in cui il Napoli potrebbe vedersi restituito il punto di penalizzazione e soprattutto la possibilità di giocare il big-match contro i bianconeri. Intanto, però a parlare è sempre il campo e la squadra di Gattuso ha dimostrato che sul campo c’é qualche problema da risolvere, soprattutto sull’equilibrio tra i reparti.

Il tecnico del Napoli non potrà contare su Osmimehn squalificato dopo il rosso rimediato contro la Real Sociedad e di Insigne su cui lo staff medico non vuole accelerare i tempi di recupero. Spazio, dunque a Andrea Petagna con Mertens alle sue spalle, Politano a destra e Lozano a sinistra, anche se sulla corsia mancini potrebbe spuntarla Elmas. A centrocampo ci sarà il ritorno do Zielinski al fianco di Fabian Ruiz o Demme, mentre in difesa potrebbe esordire Rrahmani , mai utilizzato fino ad oggi dal tecnico del Napoli. In effetti l’allenatore calabrese vuole continuare a puntare su tutti i suoi uomini e tenere, così, tutti sulla corda. Dopo la sconfitta contro il Sassuolo, Gattuso ha assicurato alla squadra che non ci saranno più gerarchie e giocherà solo chi davvero dimostra carattere e voglia durante la settimana.

La partita contro il Rijeka e quella contro il Bologna chiuderanno il mini-tour de force prima della pausa per le Nazionali e il Napoli non vuole più incorrere in brutte figure.

Share:
Gennaro Punzo