Notizie

Le Nazionali, il nuovo “incubo” di Gattuso!

Doveva essere una breve e “prolifica” sosta quella che ha coinvolto diversi giocatori presenti nel massimo campionato italiano, chiamati a rappresentare la propria Nazionale nella competizione calcistica continentale della Nations League, ma si è rivelata un “incubo”.

Uno degli allenatori che ci ha rimesso di più, soprattutto in vista di un impegno importante quale il big match dell’ottava giornata di campionato contro il Milan, è stato Gennaro Gattuso che ha praticamente visto rientrare i suoi giocatori nella forma opposta in cui erano partiti. Gli azzurri sono partiti sani ed intatti, ma la rosa è praticamente tornata decimata. 

Prima la notizia della positività al Covid-19 di Elseid Hysaj, contagio rimediato nel ritiro con la nazionale albanese, poi la lussazione alla spalla destra di Victor Osimhen nella sfida della sua Nazionale contro la Sierra Leone, il problema muscolare di David Ospina, il violento attacco influenzale che ha costretto in quarantena fiduciaria in Francia il centrocampista Tiemoué Bakayoko per finire con l’ultimo problema occorso adAmir Rrahmani che ha dovuto abbandonare il campo a soli venti minuti dall’inizio di Kosovo-Moldavia a causa di un problema alla spalla.

E proprio sul giocatore kosovaro, si può dire che piove sul bagnato. Il difensore classe ’94, rientrato in Italia, è risultato positivo al Covid-19 all’ultimo tampone eseguito in mattinata e ora sarà costretto a rispettare l’isolamento fiduciario. Lo ha annunciato la  SSC Napoli tramite un comunicato ufficiale diramato attraverso Twitter:

“In seguito al tampone effettuato questa mattina, al rientro dalla propria Nazionale, è emersa la positività al Covid-19 di Amir Rrahmani. Il calciatore, mai entrato in contatto con il gruppo squadra, osserverà il periodo di isolamento presso il proprio domicilio”.

Molti infortunati che costringeranno il tecnico calabrese a varare tutte le possibili soluzioni per la sfida contro la capolista. Possibile ritorno al 4-3-3 non escluso.

Share:
Ludovica Carlucci