Europa LeagueNotizie

Serata triste al Maradona, ma Gattuso ha due motivi per sorridere

Il Napoli saluta l’Europa League ai sedicesimi di finale seppur con una vittoria. Non è bastato il 2-1 al Maradona, gli azzurri dovevano evitare di prendere goal visto il risultato d’andata nettamente a favore per il Granada (2-0). Tanta delusione anche perchè la compagine partenopea era sicuramente tra le favorite sulla carta, ma la ruota non è girata a favore.

Gattuso, apparso sicuramente deluso in conferenza stampa, può comunque essere soddisfatto per due motivi. Il primo riguarda Faouzi Ghoulam. Il tecnico, ancora prima dell’inizio del secondo tempo, toglie un difensore centrale (Maksimovic), inserisce l’algerino a sinistra e rimette la difesa a 4. Il giocatore si ripresenta benissimo in campo tanto da rendere la squadra più equilibrata e trovare anche la via della rete. Galoppate, cross, il numero 31 è straripante a sinistra tanto da arrivare a sfiorare anche il gol del 3-1 nei minuti finali. Insomma, il Napoli sembrerebbe aver ritrovato il vecchio Ghoulam.

La seconda bella notizia riguarda Dries Mertens. Il belga ha finalmente fatto il suo ingresso in campo dopo aver patito un vero e proprio stop a causa di un infortunio alla caviglia. Pochi minuti nella gambe e una partenza a gara in corso, ma in quella mezz’ora l’attaccante è riuscito comunque a farsi vedere in più di un’occasione. La ripresa di Mertens risolve un gran problema per Gattuso ora che anche Victor Osimhen è ai box: la mancanza di un goleador.

Share:
Ludovica Carlucci