Ancelotti-Napoli, il retroscena: “Aveva rifiutato la proposta di allenare il club azzurro, poi ADL lo convinse”

0
42

A riempire la storia del Napoli ci ha pensato anche Carlo Ancelotti.

Il tecnico, attualmente in Spagna alla guida del Real Madrid, ha accompagnato la compagine partenopea per diciotto mesi. Dopo una prima stagione “positiva”, la seconda è andata esattamente al contrario. L’ex tecnico azzurro ha portato a casa un misero bottino di soli ventuno punti dopo quindici giornate, un qualcosa che non succedeva esattamente dal 2009. Fino ad arrivare al famoso esonero, come scordarlo, maturato dopo la vittoria casalinga per 4-0 contro i belgi del Genk.

Ma prima che tutto questo avvenne in pochi credevano che un allenatore così rinomato potesse approdare al Napoli. Il giornalista Italo Cucci, ai microfoni di Kiss Kiss Napoli rivelò un particolare retroscena ed il contenuto della telefonata tra lui e Ancelotti iniziando dal fatto che nessuno credeva che Re Carlo potesse arrivare all’ombra del Vesuvio:

Tra questi anche tanti giornalisti, anche di dichiarata fama. “Telefonai a Carlo Ancelotti, si parlava di un suo approdo al Napoli. Mi disse testuali parole: ‘Guarda Italo, tu mi hai cresciuto, ma io non ci vado in azzurro. Anzi, ti dirò di più, prendo mia moglie e me ne torno in Canada. Abbiamo una casa lì, lei è vicina alla sua famiglia. Quindi me ne resto tranquillo e sereno lì. Lo sai, mi hai cresciuto fin da ragazzino, ma al Napoli non ci vado’…”.

Cucci aggiunse: “Si parlava di un suo approdo in azzurro, pensate che poi nel pomeriggio vidi l’annuncio di Aurelio De Laurentiis con Ancelotti alla Filmauro, diventò il nuovo tecnico del Napoli. Carlo non volle dirmi una bugia, ma nel calcio è così. Fino a quel punto lui aveva rifiutato la proposta, evidentemente De Laurentiis nel pomeriggio oltre ai soldi, che ci sono sempre, mise pure dell’altro e lo convinse a firmare per il Napoli. Resto fermamente convinto di questo, poi la città è straordinaria…”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Nome