Notizie

Autogol “dialettico” di Godin! Il difensore ammette di aver simulato su Osimhen

Una giornata di campionato che ha sollevato molte discussioni, in particolare dopo il match tra Benevento e Cagliari, sfida salvezza vinta 3-1 dai sardi.

All’84’ l’arbitro Doveri concede un rigore ai sanniti per un fallo di Asamoah su Viola, ma Mazzoleni (nuovamente al VAR) richiama l’arbitro invitandolo a rivedere le immagini. Subito dopo Doveri cambia idea e revoca il penalty al Benevento scatenando le ire dei presenti.

A fine partita il difensore dei sardi, Diego Godin, ha provato a giustificare il mancato calcio di rigore e il contatto tra Asamoah e Viola: “Non tutti i contatti sono fallo”, ha riferito. Parole che rimandano subito alla vecchia sfida con il Napoli dove il raddoppio di Victor Osimhen è stato prontamente annullato dall’arbitro a causa di una spinta dello stesso attaccante a Godin. Il VAR sarebbe dovuto intervenire per segnalare al direttore di gara una spinta troppo lieve tale da non essere giudicata fallosa, ma così non è stato.

Altra domanda arguta, sottolinea TuttoNapoli, che sarebbe potuta arrivare all’ex Atletico era la seguente: “Quindi, caro Diego, anche quello di domenica scorsa con Osimhen era un contatto ma non un fallo?”. Sarebbe stata una bella domanda, soprattutto dinanzi ad una sorta di confessione postuma di Godin.

Share:
Ludovica Carlucci