Interviste

Demme a KKN: “Napoli è imparagonabile! Champions? Abbiamo già fatto vedere di essere all’altezza del Barcellona”

Il centrocampista del Napoli, Diego Demme, è intervenuto in una lunga intervista a Radio Kiss Kiss Napoli, commentando tra le varie tematiche, anche il sorteggio di Champions League che ha visto come protagonista il suo Napoli. Ecco le sue parole:

Sei mesi di Napoli? Sto molto bene, mi sono integrato subito alla grande nella squadra, coi tifosi e i compagni. Escludendo il periodo della quarantena, sto passando dei bei momenti qui in azzurro e spero di fare sempre meglio.

Passaggio contro il Barcellona in Champions? Il Napoli ha già visto all’andata di essere all’altezza del Barcellona, nel calcio tutto è possibile contro ogni avversario, ovviamente siamo consapevoli della grandezza della squadra iberica. 

31 dicembre Demme a Napoli? Sono stato qua con un amico e mia moglie, ma per visitare la città, non per il calcio. Il primo incontro con il mister è stato bellissimo, sto molto bene in azzurro.

Domenica c’è il Milan? Sono contento di sfidare questa squadra, la conosco bene, ma il Napoli sta molto bene e cercheremo di fare un’ottima partita e portare a casa i tre punti”.

Rangnick al Milan? Può portare tante novità in rossonero, è un perfezionista e cerca di tirare fuori il meglio da ogni situazione, non solo dai calciatori. Ovunque ha allenato ha sempre fatto grandi risultati.

Vittoria Coppa Italia con il Napoli e scudetto? Sono felice di aver portato a casa la Coppa, adesso dobbiamo pensare alla Champions e finire nel migliore dei modi il campionato. Sicuramente parleremo degli obiettivi nella prossima stagione, parlarne adesso è prematuro.

Diego Maradona? Mio padre è grande tifoso del Pibe de Oro, mi ha chiamato Diego in suo onore.

Napoli? La qualità di vita non ha paragoni, mare, cibo, gente fantastica, la ciliegina sulla torta è fare questo mestiere nella città che ti porta alle stelle.

Nascita di mia figlia in città? Sì, meglio qui che farla nascere nella mia piccola città”.

Share:
Ludovica Carlucci