I protagonisti del Napoli sono studiati e presi come esempio in tutto il mondo

0
12
Ph Fabio Sasso/FPA

Il Napoli di Luciano Spalletti è frutto dell’ottimo lavoro di tutti i protagonisti coinvolti, da Aurelio De Laurentiis all’allenatore stesso. A partire dal bilancio, il personalissimo Scudetto vinto dal presidente partenopeo, fondamentale per la sopravvivenza del club. Una sforbiciata al monte ingaggi dai 110 milioni di un anno fa agli attuali 73, cessioni importanti come quelli di Lorenzo Insigne o Dries Mertens, ma anche veri e propri colpi low cost che si sono rivelati azzeccatissimi.

Poi il lavoro di Spalletti che ha ridisegnato una squadra nel collettivo lavorando psicologicamente sulla testa di ogni giocatore coinvolto, facendo sentire protagonista a turno ogni azzurro e scegliendo di dettare fiducia ad ognuno di loro creando dunque una nuova identità di squadra.

I protagonisti di questo Napoli, ci informa l’edizione odierna del Corriere del Mezzogiorno, sono studiati in tutto il mondo. È un evento raro nel mondo del pallone che un club riduca il monte ingaggi, faccia delle cessioni importanti, ringiovanisca l’organico e migliori nettamente i risultati. Il club azzurro, primo in classifica in serie A con otto punti di vantaggio (il divario più ampio nella storia del club frutto anche del miglior rendimento nelle prime 15 giornate) e agli ottavi di finale di Champions League qualificandosi davanti al Liverpool, è un esempio per tutti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Nome