CampionatoNotizie

Il Napoli fa tre goal al Bologna e continua a sperare nella conquista della zona Champions

NAPOLI – Gli azzurri vincono 3-1 contro il Bologna, ma il gioco non convince ancora.

Grazie alla doppietta del capitano Insigne e alla rete del ritrovato Osimhen, i partenopei conquistano la 15esima vittoria in campionato e salgono a quota 47 punti in classifica, al sesto posto.

E’ stata una partita molto equilibrata allo stadio Maradona. La prima rete d’Insigne arriva all’8′ minuto di gioco, Palacio si vede annullare due reti, poi il raddoppio di Osimhen nel secondo tempo prima della rete di Soriano, che accorcia momentaneamente le distanze, e del definitivo 3-1 con il secondo gol del capitano azzurro.

Il tecnico calabrese lancia Mertens dal primo minuto in avanti con Politano, Zielinski e Insigne sulla trequarti.

In mediana ci sono Ruiz e Demme.

Il tecnico del Bologna Sinisa Mihajlovic si presenta allo stadio Maradona con Palacio unica punta, supportato da Skov Olsen, Soriano e Sansone sulla trequarti.

Nei minuti iniziali della partita le due squadre provano subito ad attaccare alla ricerca del gol del vantaggio.

Infatti, dopo pochi minuti, all’8′, il risultato è già sbloccato con la formazione di Gattuso avanti 1-0: bellissima azione del Napoli con la rete di Insigne con un destro preciso dal limite dopo un tacco smarcante di Zielinski.

Gli azzurri, dopo il vantaggio, vanno subito a caccia del raddoppio, ma il Bologna si rende pericoloso dalle parti di Ospina e sfiora il pareggio con Skov Olsen, che colpisce in pieno il palo con un mancino a giro da fuori area.

Al 22′ Gattuso è costretto ad effettuare il primo cambio: Ghoulam si fa male e lascia il posto a Hysaj.

La partita è molto viva, con occasioni da una parte e dall’altra: prima il grande salvataggio di Ospina sul colpo di testa Palacio e poi la buona chance per Politano su passaggio di Demme con l’ex Sassuolo che non trova la porta in diagonale di destro. Prima dell’intervallo, rete annullata a Palacio per posizione di fuorigioco.

Il primo tempo si chiude con la squadra di casa in vantaggio di un gol.

Non ci sono cambi nella ripresa, subito viva come il primo tempo.

La seconda frazione, infatti, inizia com’ è finita la prima: con un gol annullato a Palacio.

L’ex Inter intercetta il rinvio di Ospina, che era ancora in possesso, e mette la palla in porta ma l’arbitro annulla il gol per fallo dell’attaccante rossoblù e il risultato rimane sull’1-0.

Al 52′ arriva la prima ammonizione della partita: cartellino giallo a Koulibaly per un fallo su Skov Olsen.

Un minuto dopo finisce la gara di Mertens, sostituito da Osimhen.

Cambio anche nel Bologna, è il primo per Mihajlovic: esce Poli, dentro Dominguez.

La squadra ospite sembra calare e il Napoli ne approfitta subito.

Al 65′, infatti, Osimhen supera in velocità Danilo e batte Skorupski per il raddoppio azzurro.

Passano un paio di minuti e il nigeriano ha l’occasione per la doppietta personale e per chiudere l’incontro, ma si divora la rete calciando incredibilmente a lato su assist di Insigne.

Al 73′ il Bologna accorcia le distanze e dimezza lo svantaggio su palla persa da Demme con la rete di Soriano.

La squadra rossoblù crede nella rimonta e Mihajlovic effettua tre cambi per provare l’assalto finale con Orsolini, Medel e Vignato in campo per Olsen, Mbaye e Svanberg, ma neanche il tempo di sistemarsi e il Napoli trova la terza rete e porta i tre punti a casa preziosi per la corsa alla Champions League.

 

 

Share: