Koulibaly: “Adoro Napoli, la gente la rende magica! Spalletti? E’ come un papà, una sua frase mi ha colpito tanto”

0
4

Kalidou Koulibaly è intervenuto in un’intervista a DAZN con Diletta Leotta. Il difensore senegalese si è raccontato parlando di presente e futuro: Cosa mi piace di più di Napoli? La gente la rende magica, ci sono posti bellissimi, quando mi alzo ho la fortuna di vedere il lungomare, Capri, il Vesuvio. In città vedi l’affetto dei tifosi e l’importanza del club per questi tifosi. Loro sognano sempre e te ne accorgi subito. Mi hanno sempre detto che quando arrivi qui piangi due volte: quando arrivi e quando parti”.

Sui compagni di squadra“Conosco quasi tutti, siamo tutti insieme da anni, con le famiglie, usciamo spesso a cena insieme. Il bello è che questo è un gruppo sano e unito. Nessuno vive come noi e questo è molto importante”.

Sull’amicizia con Ghoulam: “Abbiamo fatto insieme alcune iniziative per gli ospedali e per le scuole di Scampia. Per me è un fratello. Jorginho? E’ un grande, quando sono arrivato era la persona che mi ha accolto in stanza, con lui ho iniziato a parlare italiano, mi correggeva sulle parole. In campo è stato straordinario. Mi divertivo tanto con lui”.

Su Insigne: “E’ la storia del Napoli, è fortissimo, ha sempre fatto bene. Gli voglio bene, è un grande uomo e una grandissima persona. Siamo spesso a telefono quando siamo in Nazionale”.

Poi una curiosità sulle sue abitudini“Quando sono arrivato non bevevo tanto il caffè, poi Tommaso Starace me ne ha fatto innamorare. Ne bevo diversi, 4-5 al giorno. Sempre quello di Tommaso”.

L’infanzia: “Nel 2002 quando c’era Francia-Senegal ho visto la partita a scuola, noi cantavamo sia per una squadra che per l’altra. Poi alla vittoria del Senegal eravamo felici e in strada si ballava, lo facevano tutti, di tutte le origini, arabi, francesi e turchi. Il maestro era il mio allenatore di calcio e ci ha fatto una sorpresa”.

Sulla scelta Senegal: “Ci ho pensato per un anno e poi con l’aiuto dei miei genitori e dei miei amici è stata quasi naturale. Mi sento in famiglia. Nel 2018 mi sono pentito? Mai, forse se ero nella Francia non avrebbero vinto il Mondiale. Credo nel destino, sono contento per loro, spero di fare bene con il Senegal”.

Su Spalletti“Ci ha dato tanto sulla mentalità. Ha sempre stimato questo gioco e questa squadra. Ha detto, appena arrivato: non è normale che non si vince. Voleva capire quale fosse il problema. Questa frase è stata importante, se uno da fuori dice così significa che davvero abbiamo delle potenzialità. Ha avuto l’umiltà di dire che il lavoro di Gattuso è stato buonissimo, lui non è arrivato qui per cambiare tutto ma per dare qualcosa in più. Mi chiama sua maestà? Sì, è vero, ma mi chiama anche il generale, ma mi piace più il Comandante. Dice che sono il leader, ma faccio quello che serve, sono qui da otto anni. Sono a disposizione dei compagni e di chi ha bisogno di aiuto. Sono consapevole che giochiamo per una città intera, per milioni di persone. I tifosi nel mondo sono tanti. Io lo chiamo papà? I miei compagni dicono che è così per tutti gli allenatori, pure con Gattuso, perché mi fanno giocare sempre (ride, ndr)”.

Koulibaly (ph.Twitter ufficiale giocatore)
Koulibaly (ph.Twitter ufficiale giocatore)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Nome