Mario Rui: “Ci danno per spacciati? Uno stimolo in più per smentirli! Tanti hanno fame, vogliono scrivere nuove pagine di storia”

0
10

Mario Rui è intervenuto in un’intervista ai microfoni di Radio Goal su Kiss Kiss Napoli dove si è soffermato su diversi temi a partire dagli obiettivi della squadra in vista della prossima stagione:

Quest’anno stiamo facendo più fatica a lavorare in ritiro, perché il caldo si fa sentire. Ma cerchiamo sempre di fare il nostro meglio. Spalletti cambierà modulo? Dipenderà sempre dalle partite. Insigne e Callejon hanno fatto parte della storia del Napoli, ma adesso ci sono altri che hanno fame e tenteranno di scrivere nuove pagine di storia per il club partenopeo. Una prima impressione di Kvaratskhelia? Secondo me è molto forte, ci vorrà il giusto tempo di adattamento, ma un grande giocatore si vede dai semplici passaggio e palleggi. Ci darà un grande aiuto, ne sono convinto, fortunatamente lo abbiamo noi in squadra. Osimhen? Già l’avevo visto nell’anno precedente in Champions con il Lilla, aveva tante qualità, poi quando è arrivato da noi abbiamo scoperto altre qualità importanti. Ma secondo me non è esploso ancora, non ha espresso tutto il suo immane talento”.

Mathias Olivera, il nuovo acquisto del Napoli –“Lo stiamo scoprendo adesso, lavorando al suo fianco cominciamo a conoscerlo meglio. Ma già l’ho visto l’anno scorso al Getafe che aveva qualità. Si vede che si tratta di un calciatore importante che ci darà una grandissima mano. Peccato abbia avuto dei problemi ad inizio ritiro, ma sono convinto che farà vedere le sue grandi qualità”.

Il peso delle critiche – “L’importante è migliorarsi ogni giorni, io sono l’avversario di me stesso e darà sempre tutto per superarmi. Spalletti ha stima di me? Fa molto piacere sentire anche l’affetto dei tifosi, ma non mi sono mai abbattuto anche quando sono stato criticato. Non mi esalto più di tanto quando ricevo i complimenti. Vado avanti per la mia strada e cerco sempre di migliorare”.

Leader dello spogliatoio – “Abbiamo perso calciatori importanti, ma ce ne sono altri, di cui si parla poco come Frank Anguissa, che sono importanti per il nostro gruppo. Faremo sempre del nostro meglio per la squadra azzurra”.

Napoli competitivo? “Sono sicuro di questo, il nostro obiettivo è migliorare il risultato della scorsa stagione. Penso che con i nuovi acquisti e gli altri che arriveranno, il Napoli sarà super competitivo. Poi mi fa piacere che qualcuno ci dia per spacciati, è uno stimolo in più per smentirli, una sfida per noi stessi. Vogliamo far vedere chi siamo”.

Affetto dei tifosi – “Mi fa piacere, ma il nostro capitano è Giovanni Di Lorenzo, è stata la scelta più giusta per tutti noi, lo ha detto anche al mister, da come si allena, come gioca e come si comporta, abbiamo il capitano giusto che quest’anno”.

Esperienza ad Empoli –“Ringrazierò a vita il presidente dell’Empoli Corsi, voglio molto bene a questa squadra, mia figlia è nata lì e sarò sempre legato a quei colori”.

Sul diverbio tra Osimhen e Spalletti a Castel di Sangro – “Quando vedo che un compagno di squadra spinge in allenamento, sono molto contento. A me piace quando l’allenamento va in queste direzioni, c’è voglia, dedizione, attaccamento alla causa, poi ovviamente ci vuole serenità, ma posso assicurare che non è successo niente. A fine allenamento è finito veramente tutto, la sera siamo stati tutti insieme a cena”.

Lavoro di Spalletti – “Stiamo lavorando molto sull’aggressività, secondo il mister manca qualcosa sotto questo aspetto e stiamo facendo di tutto per migliorarlo”.

Poi la chiosa – “Le parole che ho detto per l’Empoli valgono anche per Napoli, la mia prima figlia è nata a Empoli, l’ultima a Napoli, quindi io da qui non me ne vado. Sto benissimo e sono legatissimo a squadra e città”

During the Italian Serie A Football match SSC Napoli vs AC Milan on Marce 06, 2022 at the Diego Armando Maradona Stadium in Naples
In picture: Mario Rui

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Nome