Rigore Insigne, giusto farlo ripetere? L’ex arbitro Bergonzi sentenzia

0
3

Lorenzo Insigne, all’ultima in maglia azzurra nella splendida cornice di casa dello stadio Diego Armando Maradona, regala emozioni e gol. Il capitano ci ha messo lo zampino nello score complessivo della sfida della 37esima giornata di Serie A con il Genoa, siglando il suo 122esimo gol su calcio di rigore. Ma non al primo tentativo.

L’arbitro infatti, dopo una chiamata al VAR, ha fatto ripetere il penalty concedendo una seconda possibilità sfruttata al meglio da Insigne. Il motivo? Invasione simultanea: netta quella di Di Lorenzo, più sulla proiezione quella di Bani e Hernani.

A dire la sua è stato anche Mauro Bergonzi, ex arbitro internazionale e moviolista Mediaset, intervenuto al programma “Senza Filtri”:  “È stato un buon weekend per gli arbitri. Il fallo di Kalulu sul gol di Leao è da sanzionare. Orsato ha una grandissima personalità, fischia molto poco ed è coerente nella partita. Sa benissimo che questo è un intervento da fischiare. Irrati al Var non è intervenuto perché per lui non era un chiaro evidente errore”.

Napoli-Genoa? Ci sono tutti i parametri per assegnare il calcio di rigore e per farlo ripetere. Da regolamento è giusto così perché Di Lorenzo, nel momento in cui Insigne calcia, è dentro l’area di rigore. Empoli-Salernitana? Giusto il rigore assegnato ai granata, un rigore netto che è stato fortunatamente visto dalla sala Var. Mi lascia perplesso che Massa non lo abbia visto dal terreno di gioco”, ha concluso Bergonzi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Nome