Notizie

Sconcerti: “L’errore di Insigne non è da capitano di una grande squadra, ma crea solo polemiche”

Mario Sconcerti sul Corriere della Sera ha parlato della serata di Lorenzo Insigne e dell’errore commesso durante la partita di ieri sera contro l’Inter. Il capitano infatti si è lasciato andare a parole di troppo nei confronti dell’arbitro Massa, mandandolo letteralmente a “quel Paese” salvo poi difendersi dicendo di non aver assolutamente detto quelle parole. Questo quanto riferito da Sconcerti:

“Per oltre due terzi di partita Inter e Napoli hanno giocato scambiandosi palleggi e aspettando uno spunto che non arrivava. Meglio il Napoli, che ha sempre diretto la gara. Confusa l’Inter in una partita strana, contro un avversario tecnico e veloce, non fisico, meglio preparato a organizzare il gioco. La svolta l’ha data l’arbitro segnalando un rigore corretto ma non infinito: quando Ospina commette fallo, Darmian ha già toccato verso la porta”.

L’errore vero lo commette Insigne che manda a quel paese l’arbitro e si fa espellere. È un errore che il capitano di una grande squadra non dovrebbe mai commettere perché dà fiato a polemiche, rimpianti e non crea nemmeno una sola utilità. Mancavano ancora 20 minuti alla fine. Il Napoli meritava molto di più, ma tra la non partita con la Juve e questo passaggio a vuoto sono già 4 le gare perse su 12. Un’infinità per chi vuole vincere”.

Share:
Ludovica Carlucci