Verona e Inter, Manolo Gabbiadini scalda i motori

    0
    2

    È arrivato finalmente il suo momento, Manolo Gabbiadini dovrà da solo caricarsi sulle spalle il peso dell’attacco azzurro per non far rimpiangere l’assenza di Gonzalo Higuain. Certo non è semplice sostituire il bomber da 30 gol e Gabbiadini non si è mai sentito davvero una prima punta, ma il sostituto naturale del Pipita nel Napoli di Sarri è lui.

    Per le prossime quattro partite dovrà sfoderare tutti i numeri tecnici di cui è dotato e che ha messo in mostra in parecchie circostanze. Il giocatore era arrivato lo scorso anno dalla Sampdoria e aveva subito impressionato tutti per la facilità di palleggio e quel tiro a giro che in più occasioni ha messo in mostra.

    Ma giocare da titolare con un certo Higuain davanti non è impresa facile per nessuno. E allora Manolo si è dovuto accontentare di qualche presenza in Europa League dove non ha sempre brillato. Altrove il ragazzo avrebbe giocato da titolare inamovibile. Ma Verona, Inter, Bologna e Roma sono le partite in cui Gabbiadini dovrà dimostrare tutte le sue doti balistiche e umane. Tutti lo aspettano. Gabbiadini non è Higuain, ma è comunque un campione.

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci il tuo commento
    Nome